La sessualità

la sessualità e il rapporto di coppia

Cos’è la sessualità

La sessualità è parte integrante dell’essere umano, è un'espressione della vita, del piacere, della relazione. E’ un fenomeno complesso risultante dall’aspetto psicologico, biologico e culturale del nostro vissuto.

La sessualità non può essere ridotta al piacere genitale. La sfera sessuale vede coinvolte sensazioni ed emozioni, relazione con il partner, intimità, gioco, scambio di piacere, autorizzazione a concedersi, istintività e molto altro.

Il comportamento istintivo nella sessualità è uno degli aspetti più caratterizzanti delle nostre relazioni sessuali. In questo contesto l’istinto può indurre a lasciarsi andare a pulsioni erotiche fisiche ma può anche in maniera conscia o inconscia, organizzare il nostro comportamento sessuale in funzione di una progressiva evoluzione psicologica nel corso della nostra vita, frutto di due complessi opposti: libertà e censura.

La sessualità è anche masturbazione. Essa parla della relazione che abbiamo con il piacere e con il nostro corpo. L’autoerotismo prepara all’esperienza sessuale relazionale, una più completa e complessa fase psicofisica.

La sessualità dal punto di vista biologico

L'attività sessuale è l'espressione finale di un meccanismo in cui sono coinvolti molti organi e apparati, date le complesse relazioni tra sistema nervoso centrale, sistema nervoso autonomo, sistema endocrino, sistema nervoso periferico e organi genitali. Il punto di partenza del processo di eccitazione sembra imputato ai ‘feromoni’ anche se il loro studio è stato finora piuttosto controverso. Diversi ricercatori hanno cercato di dimostrare l'esistenza dei feromoni ma i risultati delle ricerche non sono accettati unanimemente. Sembra che i feromoni entrino in contatto con i neuroni attraverso due proteine ovvero i canali ionici Trp2 e il canale potassio Sk3. Il segnale chimico raggiunge il recettore della cellula neuronale dell’organo vomeronasale e il feromone che è una sostanza odorosa, accende la scintilla! Questo spiegherebbe anche perché gli odori giocano un ruolo importante nella sessualità. Dopo essere stati attivati, i recettori dell'organo vomeronasale fanno in modo che i canali ionici adiacenti si aprano o si chiudano, permettendo agli ioni di fluire all'interno o all'esterno della cellula neuronale. Questi incrementi e decrementi di carica elettrica creano picchi di tensione in grado di attivare reazioni neurologiche cerebrali che stimolano uno specifico comportamento sessuale. Fanno parte del complesso sistema anche gli ormoni periferici, rappresentati dagli steroidi sessuali come il il testosterone che regola l'attività sessuale maschile e gli estrogeni nella donna. Non possiamo escludere inoltre l’azione del cervello emozionale, chiamato cervello limbico che di fronte ad un’emozione ‘erotica’ deve autorizzare il processo ormonale di rilascio di dopamina e inibizione della serotonina perché tutto funzioni bene.

Sessualità e risposta fisica

I fenomeni di natura fisica e psichica che seguono uno stimolo erotico si manifestano con un ciclo di risposta sessuale composto da 4 fasi: eccitamento, plateau, orgasmo, risoluzione. L’aspetto psicologico gioca un ruolo centrale nel determinare i tempi e l’intensità delle quattro fasi che di conseguenza variano da individuo a individuo e la risposta sessuale può essere inibita o disinibita soprattutto nella fase dell'orgasmo.

La fisicità nel rapporto è stimolata dalla capacità di sapersi abbandonare, rilassarsi e non ipercontrollare le proprie sensazioni già dalla prima fase, l’eccitamento, fase in cui carezze, stimolazione genitale, fantasie erotiche e percezioni sensoriali come l’odore della pelle e delle secrezioni, accompagnano via via alla seconda fase: il plateau ovvero la fase dove l’eccitazione fisica permane. Se la tensione sessuale perdura, arriva la terza fase, l’orgasmo, con intensità variabili a seconda dell’efficacia degli stimoli precedenti e della disposizione psicologica dell’individuo.

L'orgasmo si manifesta con lo scatenarsi di un piacere intenso e involontario caratterizzato da tensioni fisico-psichiche avvertite nella donna a livello di vagina, clitoride ed utero e nell'uomo a livello di pene, prostata e vescichette seminali. Il maschio ha reazioni molto intense e stabili, mentre nella donna, la risposta è più variabile. Quarta ed ultima fase, il ‘periodo refrattario’ dopo l’orgasmo, vede una progressiva diminuzione della tensione sessuale. Anche in questo caso i sessi si comportano in modo differente. Nell'uomo si ha un periodo refrattario variabile in termini di tempo, in genere più breve nei giovani. La donna, con un’adeguata stimolazione, può ricominciare il ciclo e avere successivi orgasmi distinti fra loro nel corso dello stesso rapporto sessuale.

Il comportamento sessuale

Per tutta la durata della vita, moduliamo il nostro comportamento sessuale. L’immaginario è così potente da poter essere considerato al pari di una zona erogena che spinge ad andare verso l’oggetto del nostro desiderio. Modifica l’intensità con la quale viviamo le relazioni, il benessere psicofisico, il senso di autorealizzazzione. Il comportamento sessuale è uno specchio della comunicazione ‘dentro-fuori’, è il rivelatore di pulsioni interiori, di conflitti, di desideri e di slanci verso gli obiettivi desiderati. Non possiamo fare a meno della sessualità e per quanto sia assolutamente personale, abbiamo bisogno di linee guida o di riferimenti per comprendere a che punto siamo. Un efficace sistema di misurazione della soddisfazione con la quale viviamo la sessualità è indubbiamente l’altro al di fuori di noi, la relazione di coppia.

Rapporto di coppia e sessualità

Il sesso è un ingrediente fondamentale in ogni rapporto di coppia. E’un indicatore di quanto la coppia stia vivendo un sentimento di intesa e di amore. L’intimità nasce prima dal punto di vista emotivo, può essere un’intimità progettuale ovvero essere sintonizzati su progetti o modalità di condurre la propria vita insieme.

In alcuni casi la sessualità non viene vissuta come funzione armonica della coppia ma può diventare un sedativo rispetto a problematiche, un anti stress o antidepressivo. Le istanze rivolte alla sessualità saranno disfunzionali e disattese. Non possiamo usare l’incontro fisico come prova d’amore oppure come strumento per affermare il proprio valore o il proprio ruolo, per sanare i litigi e alleviare le tensioni relazionali. Con questi presupposti, ‘l’unione mistica’, la fusione nell’atto sessuale, sarà molto difficile. La sessualità nella coppia non inizia a letto, deve essere preparata con attitudini l’uno verso l'altro nella vita quotidiana. Quando si fa sesso senza esprimere una sessualità piacevole, la relazione è messa a dura prova e la situazione diventa ancora più problematica quando il sesso finisce. La lontananza nella sessualità porterà a vivere una lontananza nella vita affettiva di tutti i giorni.

Come vivere serenamente la sessualità e avere un rapporto di coppia soddisfacente

Per risolvere le problematiche che ci impediscono di vivere una sessualità appagante e un soddisfacente rapporto di coppia, dobbiamo fare un lavoro di crescita su noi stessi. Dobbiamo comprendere quali sono le radici dei nostri comportamenti istintivi, involontari. Occorre una attenta e onesta analisi di tutto quello che ci piace e degli aspetti che non ci fanno stare bene nelle nostre relazioni. Possiamo incontrare l’altro nella relazione e nella sessualità solo dopo aver incontrato noi stessi per primi. Siamo corpo ed emozioni e di conseguenza dobbiamo affrontare le difficoltà relazionali e sessuali sotto i due profili dell’essere: piano fisico e piano emozionale. Un lavoro funzionale terrà sempre conto di corpo e emozioni.

Richiedi informazioni per conoscere il programma sessualità e relazione di coppia di Simone Fanciullo info@ayur-veda.it e Giulia Sodo giulia.sodo@gmail.com

Iscriviti al ritiro Sessualità e Relazione di Coppia